La navigazione nell’Artico sarà regolata dal Polar Code

140821-arctic-shipping-1804_5e6ea09ba77a097b6978ad91e3398112

L’Artico, a causa del riscaldamento globale, si sta sciogliendo rapidamente. Sappiamo bene, grazie alle frequenti immagini che vengono rilasciate dai principali centri scientifici del mondo, che la situazione è grave. Ma il riscaldamento globale, e la conseguente fusione dei ghiacci perenni, porta anche a scenari completamente inediti in settori come il turismo, lo shipping e l’industria mineraria. [articolo pubblicato su The MediTelegraph]
Le previsioni dei maggiori centri di studi dicono che nel giro di pochi anni alcune rotte commerciali  artiche saranno disponibili, migliorando gli scambi e il traffico marittimo. Nonostante il settore non stia attraversando un periodo di espansione, la situazione potrebbe ribaltarsi nel giro di pochi anni. Non dobbiamo pensare solamente allo scambio commerciale tra Paesi. Guardiamo al turismo. Tra il 2004 e il 2010 il turismo in tutta la regione è raddoppiato da 15.000 a più di 30.000 persone. Sei anni più tardi, con i cambiamenti climatici che incidono ancora più radicalmente sull’area, si può supporre che il settore cruise sarà una realtà consolidata nell’arco di pochi anni, in grado di raggiungere centinaia di migliaia di persone.

map1Durante lo scorso inverno, stando ai dati raccolti dal National Snow and Ice Data Center (NSIDC) – supportato dalla NASA – il ghiaccio artico sembra aver raggiunto un nuovo record negativo. La regione è sempre stata considerata uno dei luoghi più inospitali del pianeta, al pari dei grandi deserti africani e americani. Ma la situazione si sta evolvendo in maniera estremamente rapida. Durante lo scorso agosto la nave da crociera Crystal Serenity è salpata da Anchorage, in Alaska, viaggiando verso lo Stretto di Bering, oltrepassando il Mare Artico canadese, e puntando prima la Groenlandia, e poi, come ultima tappa, New York. Certo, non tutti possono ancora permettersi un viaggio esotico di questo tipo, con una base di partenza di oltre 22.000 dollari a testa, ma il mercato è aperto.

Se i trasporti marittimi non godono certamente di grande salute – da ultimo, il fallimento del grande shipper “Hanjin” – le condizioni di questo genere di rotte potrebbe certamente modificare notevolmente costi e noli. Non è una questione di pochi mesi. Molti esperti sostengono che il ghiaccio artico potrebbe scomparire del tutto entro il 2050 durante le stagioni più miti, aumentando notevolmente il traffico marittimo in tutta l’area. Nel frattempo la Comunità Internazionale cerca di dotarsi  di uno strumento fondamentale per dirimere eventuali controversie, ma soprattutto per proteggere equipaggi, navi e anche ambiente. Il Codice Polare entrerà in vigore nel Gennaio 2017, come modifica delle tre convenzioni già esistenti: la Convenzione Internazionale per la Prevenzione dell’Inquinamento causato da navi (MARPOL – adottata nel 1973 ed entrata in vigore nel corso 1983), la Convenzione per la Salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS), e la Convenzione Internazionale sulle norme in Formazione e Certificazione della gente di mare (STCW 1978).

how-the-polar-code-protects-the-environment-english-infographic-page-001

La Convenzione avrà forza per quanto riguarda sia le acque artiche sia antartiche. L’adozione da parte di tutti gli attori internazionali del Codice Polare rappresenterebbe una pietra miliare per la storia dell’IMO, perché sarà uno dei più importanti pilastri normativi su cui poi costruire l’impianto di norme e regole per questa regione così vasta e particolare. Il Codice Polare andrà a coprire tutti gli aspetti rilevanti delle norme di trasporto della regione, incluse la progettazione delle navi, la costruzione, le attrezzature, le azioni di Search&Rescue per operare nelle acque dei due poli. Un nuovo codice come questo può essere una base non soltanto normativa per regolare per il futuro di tutta l’area, coordinato con l’evoluzione del settore dei trasporti marittimi. Il Passaggio a Nord Ovest, che collega l’Europa e l’Asia al largo delle coste della Siberia, sta diventando sempre più un nuovo collegamento tra i due continenti. Già diverse navi, nei periodi più caldi dell’anno, possono utilizzare questa rotta, assolutamente impraticabile fino a pochi anni fa.

Il Passaggio di Nord-Est, lungo le coste della Russia, è in grado di ridurre le tempistiche di spostamento tra i porti asiatici e quelli del Nord Europa fino al 40 per cento. Nell’ultimo anno, solo una settantina di scafi hanno percorso questa rotta, e questo per svariate ragioni non solo ambientali. Uno studio della Copenhagen Business School dello scorso gennaio rilevava come «I prezzi bassi del bunker oil, la breve stagione disponibile alla navigazione e la presenza costante di ghiacci pericolosi per gli scafi, spostano al 2040 la data per cui questa rotta potrà dirsi veramente aperta».

La Russia ha già tentato di aprire la regione al traffico internazionale offrendo rompighiaccio, strutture portuali e le altre misure di sviluppo, ma la dalle 1,3 milioni di tonnellate movimentate nel Mar Glaciale Artico del 2013, si è scesi alle sole 300.000 del 2014. Nel 2015 sono state solo 100.000. Questo trend negativo deve essere letto anche attraverso la lente dei costi del settore e delle complicazioni incontrate dai grandi player internazionali. Anche operatori come Lloyd’s Register guardano con favore all’entrata in vigore del Polar Code. Nonostante la tecnologia debba ancora sviluppare un sistema in grado da rendere economicamente sostenibile il varo di navi per questo tipo di rotte, è chiaro che la sfida aperta dalla nuova normativa porta a un nuovo livello tutti gli attori statali e privati interessati.

Copyright ©Leonardo Parigi

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...